Fattura Elettronica: come e quando registrare le fatture d’acquisto?

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Oltre al dubbio riguardo la data di emissione, l’entrata in vigore della fatturazione elettronica porterà con sé un ulteriore dubbio, ovvero la data di quando la fattura viene considerata ricevuta. Dubbi da tenere bene in considerazione, perché l’operatività della detrazione dell’IVA che il cliente in questione deve esercitare, dipende data in cui la fattura viene ricevuta.
Software gestionali e fattura elettronica

Il presente contenuto si focalizza sulle “date di registrazione” delle fatture d’acquisto, nell’era della fatturazione elettronica, ed é rivolto soprattutto ai liberi professionisti ed alle aziende che dispongono di ufficio amministrativo interno che registra le fatture passive dei fornitori in arrivo tutti i mesi. In generale a chi non usufruisce del proprio commercialista per la gestione “esterna” delle fatture elettroniche ma utilizza un proprio sistema collegato alla piattaforma di un intermediario.

L’argomento era già “delicato” in passato, con le fatture cartacee, in quanto sin dalla nascita del DPR 633/72, il principio ispiratore della scelta della “data di registrazione della fatture d’acquisto” é sempre stato “quando hai il materiale in tuo possesso”.

Image result for faldone fatture
Con l’entrata in vigore della fattura elettronica sono spariti i vecchi faldoni cartecei, in realtà nulla è cambiato (per ora).

Ecco perché in passato si insisteva sul fatto che le buste di trasmissione delle fatture ricevute, venissero “graffettate” dietro le fatture stesse, poiché dalla busta si recuperava la data di ricevimento o, quanto meno, la data di partenza della medesima fattura.

Poi con l’avvento dei Fax, si raccomandava di fotocopiare le fatture ricevute via Fax, facendo attenzione a fotocopiare anche le informazioni riportate dal Fax circa la data di di trasmissione. In seguito con l’avvento delle mail, si raccomandava di assicurarsi di possedere una copia delle mail di ricevimento, al fine di poter opporsi ad una eventuale futura contestazione.

Dal 01/01/2019, con l’avvento della FATTURAZIONE ELETTRONICA, é tutto molto “più semplice”, poiché é l’Agenzia delle Entrate che ci dice quando abbiamo ricevuto una determinata fattura. Per cui se da un alto siamo sollevati di procurarci documentazione difensiva, dall’altra siamo “costretti” a rispettare la data di ricevimento delle fatture stesse. Ma allora per chi deve registrare una fattura d’acquisto qual’è la data che vale fiscalmente ?

Innazitutto precisiamo che chi si avvale di una piattaforma ESTERNA deve porre la massima attenzione a non scegliere le fatture in base alla data delle fatture ma in base alla data di RICEZIONE. Ai fini fiscali quindi, o meglio, in merito all’esercizio delle detraibilità dell’IVA, la data da tenere in considerazione è quella che corrisponde con la data di ricezione che viene certificata dal Sistema di Interscambio (SdI).

Se invece la fattura è stata recapitata senza alcun indirizzo di Fatturazione Elettronica, la stessa viene depositata all’interno del portale “Fatture e Corrispettivi” dell’Agenzia delle Entrate (il Cassetto Fiscale del cliente/azienda). Nel caso di specie, dopo che l’emittente ha avvisato il destinatario, per l’esercizio della detraibilità dell’IVA, la data da tenere in considerazione è quella corrispondente al giorno in cui si prende visione della stessa. In buona sostanza, la data di ricezione della fattura elettronica dipende dal servizio mediante il quale, il destinatario, riceve la fattura.

Image result for DATA RICEZIONE FATTURA
Ciò che conta fiscalmente per le fatture passive è la “data di ricezione” e non la data di emissione documento

Per esempio: Una fattura datata 28/02/2019, se trasmessa allo SdI in prima mattina dello stesso giorno, potrebbe arrivare al destinatario entro le ore 23:59 del medesimo giorno oppure essere ricevuta nei primi giorni del mese di Marzo 2019. Nel primo caso l’operatore la deve inserire nel file delle fatture ricevute nel mese di Febbraio 2019, sia in termini fiscali che di detrazione IVA e nel secondo caso nel file delle fatture ricevute nel mese di Marzo 2019. Per chi emette fatture in esenzione IVA inoltre ricordiamo di citare sempre il CORRETTO riferimento normativo in fattura e di consultare il nostro articolo qui per i codici di esenzione da utilizzare onde evitare che lo SdI rifiuti la fattura elettronica.

Systemtec

Systemtec

Un partner affidabile per il tuo business

Lascia un commento

systemtec?

Un partner affidabile con tempi di intervento rapidi e sicuri per il ripristino on site della tua infrastruttura informatica, ma anche un consulente IT che conosce realmente “cosa fai” e ti propone sempre prodotti giusti “per farlo bene”.

Ultimi post

Seguici

video del mese

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti e rimani aggiornato su tutti i  nostri nuovi articoli.