Coronavirus, Google Maps «controlla» gli spostamenti in 131 paesi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
I report si basano su dati aggregati ed in forma anonima, e mostrano come sono cambiati i flussi sulle diverse aree geografiche nel corso delle ultime settimane relativamente al coronavirus. Tutto ciò per aiutare le autorità sanitarie.

Google Maps controlla i nostri spostamenti in 131 paesi per contrastare la pandemia di COVID-19. Tutto ciò nell’intento di aiutare le autorità sanitarie a verificare il rispetto delle restrizioni imposte. Ovunque nel mondo è cresciuta l’attenzione verso le strategie di salute pubblica. La più nota è il distanziamento sociale, per rallentare la velocità di trasmissione o programmare la riapertura nelle aree soggette a restrizioni sugli spostamenti.

Google Maps utilizza dati aggregati e anonimi per mostrare quanto sono affollati determinati luoghi. Questo permette di identificare per esempio gli orari di punta di un negozio. Google dichiara che “Le autorità sanitarie ci hanno detto che questo stesso tipo di dati aggregati e anonimizzati potrebbe essere utile per prendere decisioni critiche nella lotta al COVID-19”.

Coronavirus, Google Maps consentirà di monitorare gli spostamenti delle persone
I dati dei nostri spostamenti elaborati da Google.

Come funzionano

I report si basano su dati aggregati e anonimizzati per mostrare come si sono modificati gli spostamenti nel tempo e sulle diverse aree geografiche. I dati sono sviluppati in relazione a una serie di luoghi divisi in categorie generali: Per esempio “negozi e attività ricreative”, “generi alimentari e farmacie”, “parchi”, “stazioni di trasporto pubblico”, “luoghi di lavoro” e “abitazioni”.

“Mostreremo le tendenze su un arco di diverse settimane – spiega Google – con le informazioni più recenti che si riferiscono a 48-72 ore prima della pubblicazione. L’aumento o la diminuzione delle visite apparirà in punti percentuale, mentre non saranno condivisi i numeri assoluti delle visite. Per proteggere la privacy delle persone, non verrà resa disponibile alcuna informazione personale identificabile, come la posizione di una persona, i contatti intercorsi o gli spostamenti”.

Questi report copriranno inizialmente 131 paesi nel mondo. Ma ne potrebbero coprire molti altri.

Coronavirus, Google Maps consentirà di monitorare gli spostamenti delle persone
Attualmente il monitoraggio di Google è s 131 paesi nel mondo

La tutela della privacy

Spiega Google: “Le informazioni vengono create a partire da insiemi di dati aggregati e anonimizzati degli utenti che hanno attivato la Cronologia delle posizioni.

Per sapere come disattivare LA CRONOLOGIA DELLE POSIZIONI CLICCA QUI.

Questa impostazione normalmente è disattivata per default. Le persone che hanno attivato la Cronologia delle posizioni possono scegliere di disattivare l’impostazione in qualsiasi momento dal proprio Account Google. Inoltre possono sempre eliminare i dati direttamente dalla propria Cronologia“.

Ci troviamo – conclude Google – in una situazione senza precedenti: continueremo a lavorare su questi report sulla base dei commenti delle autorità sanitarie. Ci auguriamo che questi dati contribuiscano a migliorare le informazioni sulla salute pubblica, così da permettere alle persone di rimanere in buona salute e al sicuro.

Se vuoi delle informazioni aggiuntive in merito a questo articolo oppure sapere qual’è la nostra proposta Clicca qui!

Systemtec

Systemtec

Un partner affidabile per il tuo business

Lascia un commento

systemtec?

Un partner affidabile con tempi di intervento rapidi e sicuri per il ripristino on site della tua infrastruttura informatica, ma anche un consulente IT che conosce realmente “cosa fai” e ti propone sempre prodotti giusti “per farlo bene”.

Ultimi post

Seguici

video del mese

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti e rimani aggiornato su tutti i  nostri nuovi articoli.   

Torna su