News 4

Google a lavoro su di una vera console di gioco. Pronta a sfidare PS5 e Xbox Scarlett?

La casa di Mountain View ha in mente di sfidare i colossi dei videogiochi come Sony e Microsoft. Chiaramente dalla mente degli sviluppatori di Google non si sta pensando ad una console semplice ma ad una sofisticata piattaforma. Ecco i dettagli.

 Google a lavoro su di una vera console di gioco. Pronta a sfidare PS5 e Xbox Scarlett?

Google è interessata al mondo dei videogiochi e la volontà potrebbe essere quella di creare una console "Made in Google" capace di superare alcune barriere delle attuali console di Sony e Microsoft e cercare di portarsi davanti a tutti nei prossimi anni. L'indiscrezione arrivata Kotaku che spiega nel dettaglio come l'azienda di Mountain View voglia integrare una piattaforma hardware capace di permettere agli utenti di giocare contenuti in streaming. Il nuovo progetto prende il nome di Yeti e Google, stando alle indiscrezioni, sembra voler fare sul serio.

Da anni il mondo dei videogiochi si basa sul confronto tra due o tre grandi concorrenti quali Microsoft, Sony e in qualche modo anche Nintendo. Tutte lottano a suon di console sempre più potenti capaci di garantire agli utenti esclusive grafiche capaci di far rimanere a "bocca aperta" durante il gioco. Ecco che un quarto contendente potrebbe permettere ancora più competizioni tra queste tre "monopoliste" soprattutto perché si parla di Google e sappiamo che a Mountain View quando si vuole una cosa non si bada a spese per ottenerla.

Il progetto Yeti, messo in piedi nei laboratori del Google Plex, sembrerebbe pronto a creare una piattaforma nella quale gli utenti, tramite una nuova console predefinita, potranno giocare ad esclusive direttamente in streaming. Un po' come avviene oggi per guardare le serie TV o i film con Netflix e correlati. Google vuole fare la stessa cosa ma nel mondo video ludico. Le indiscrezioni parlano della volontà da parte di Google di acquisire alcuni studi per ampliare il proprio portafogli di proposte.

Google chiaramente vorrebbe sfruttare le proprie tecnologie per creare un servizio stabile e soprattutto ricco di giochi. In questo caso però la difficoltà maggiore sarebbe soprattutto nel raggiungere gli utenti che sappiamo spesso sono "fedeli" alle aziende e difficilmente decidono di muoversi altrove. In questo la necessità di Google sarebbe anche nello scovare accordi con i produttori per riuscire a portare sulla piattaforma Yeti giochi in esclusiva come oggi avviene con Sony e Microsoft. Addirittura le indiscrezioni parlano di un progetto non troppo agli albori con la dirigenza Google presente alla E3 2018 di Los Angeles, la quale a porte chiuse, avrebbe già fatto vedere il potenziale ai più importanti sviluppatori di videogiochi al mondo.

A livello pratico è chiaro che Google potrebbe lanciare il nuovo progetto Yeti nei prossimi mesi o anni come piattaforma online ma anche con un hardware dedicato, magari una console o simile, la quale permetterebbe di gestire non solo le periferiche come mouse o controller, ma anche la connessione per lo streaming dei contenuti.

Tutto comunque ancora da confermare soprattutto per quanto concerne la vera fattibilità del progetto. Sony ha già in qualche modo anticipato una piattaforma simile introducendo PlayStation Now, ossia lo streaming di alcuni titoli giocabili su console. Basso il successo che ha visto sopravanzare maggiormente la classica giocabilità su piattaforma digitale. Google però dalla sua ha la forte esperienza dei servizi in cloud e tutto quello che riguarda appunto lo streaming grazie alla piattaforma come YouTube.

Insomma potrebbe non essere una sorpresa quella dell'entrata in campo di Google nel mondo dei videogiochi soprattutto con la visione dell'azienda di Mountain View e dunque con tutto ciò che riguarda i servizi a corredo. Di certo non sarà semplice trovare spazio tra i colossi come Sony e Microsoft ma sappiamo come Google sia capace di tutto.

Fonte articolo: hardwareupgrade.it

Questo sito utilizza Cookies per migliorare l'esperienza di navigazione e mostrarti servizi in linea con le tue preferenze. Disabilitando i cookie alcuni dei nostri servizi potrebbero non funzionare e alcune pagine non essere visualizzate correttamente. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei Cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni Cookies visualizza l'informativa completa. Cookies Policy.

Accetto i Cookies